Sentirsi chiamare per nome ci definisce come persona unica e irripetibile, ci colloca in un tempo e in uno spazio, ci dà un’origine certa. Sentirsi chiamare per nome ci fa entrare nella luce di in uno sguardo che si posa proprio su di noi, ci riconosce e entra in relazione con i nostri desideri e i nostri bisogni.

Sentirsi chiamare per nome ci fa sentire aspettati, accolti, accompagnati: ci rende vivi. Ecco perché, quest’anno, non smetteremo mai di chiedere “COME TI CHIAMI?”